eXalted @ RdN

Nuovi orizzonti

La cerca dei colibrì di cristallo va a buon fine e Magnifica Opera di Lustro e Bellezza informa i PG che la rissa al porto è ormai dimenticata da tutti, autorità comprese.
L’informazione più importante, tuttavia, riguarda Larissa e la sua ubicazione.
I Solari apprendono che dopo essere stata rapita dagli uomini dell’Impero, la poveretta è stata venduta come schiava a un ricco mercante di Chiaroscuro. Decidono quindi di recarsi subito nella metropoli del sud ma la grande distanza che li separa rappresenta ora il più importante ostacolo al raggiungimento rapido dell’obiettivo.

I PG decidono quindi di recarsi a Lookshy, dove si dice si trovino delle navi volanti, per prenderne una e volare fino a Chiaroscuro.
Si imbarcano su una nave diretta a Porto Calin e durante il viaggio, nel tentativo di scoprire presunte attività illecite del comandante, Snake uccide due marinai. Per risolvere la strampalata situazione che si è venuta a creare, gli altri Solari mettono in scena un teatrino tragi-comico che culmina con l’accordo di essere lasciati sulla riva del grande fiume per evitare un bagno di sangue.
Appena scesi a terra, Luk nota un volatile che lascia la nave in direzione nord.

Arrivati quindi a Lookshy, scoprono che la città è governata da un organismo militare chiamato il Concilio dei Sei, con a capo il Chumyo. Poiché il loro desiderio è utilizzare una nave volante, tentano di parlare con le autorità cittadine di grado elevato, ma per far ciò, scoprono, è necessario essere cittadini di Lookshy, oppure essere nobili o almeno ambasciatori di un altro stato.
Nessuno di loro può vantare simili retaggi e perciò si dividono.
Luk cerca di scalare la burocrazia in maniera mondana, corrompendo uno dei funzionari di quartiere, ma ben presto si rende conto che la via è preclusa.
Dark Schneider si avvicina all’ambiente militare della città e si palesa come Eccelso Solare. Dopo una prima reazione di sorpresa, riesce a ottenere un colloquio con un ufficiale il quale, ascoltate le sue parole, gli dà appuntamento per il giorno successivo.
Nel frattempo Strange trova un laboratorio in affitto, in condivisione con un altro artefice di nome Ra. Tra i due nasce velocemente una collaborazione, guidata da obiettivi comuni.
Vagando durante il giorno, Luk entra in una delle numerose piazze d’armi della città, dove sfida un calcabattaglia a singolar tenzone. Non volendo farsi scoprire come Eccelso Solare, esita ad estrarre la daiklave ma alla fine è costretto a rivelarsi, attirando l’attenzione di Tien-Yu, la dea di Lookshy.

Così alla fine decidono di rimandare ogni discussione o domanda all’incontro del giorno successivo.

Quella notte, Snake si infiltra in due ville della città e ruba una alabarda di giada verde e una daiklave mietitrice di giada rossa, mentre Strange e Ra collaborano per progettare un paio di occhiali per individuare trappole.

La mattina successiva i Solari vanno a colloquio con il generale di Lookshy, Daimyo Shuzen, e con il suo staff.
Il generale propone ai Solari di collaborare per sventare una grande minaccia che incombe sulla Confederazione dei Fiumi: la città di Spine è sotto il controllo di un tiranno conosciuto col nome di Maschera degli Inverni, che circa 5 anni fa ha conquistato la città nel giro di una notte.
Egli abita in una fortezza di basalto e ossidiana costruita sulla schiena di una enorme creatura non morta chiamata Juggernaut, dalla quale si dice diriga le attività dei suoi Cavalieri in città.
Nonostante Spine conti ora una fortissima presenza non-morta, alcuni cittadini vivi ancora la abitano e tra questi Lookshy è riuscita a infiltrare qualche spia.

I Solari accettano di sventare la minaccia di Maschera degli Inverni, con la promessa di ricevere aiuto da parte di Lookshy…

View
Alla ricerca dei colibrì...

Dopo aver pagato qualcuno per portarli verso est Dark Schneider, ancora stordito dalla sua avventura con la pesca, Luk Snake e Strange si imbarcano e viaggiano per alcuni giorni fino a giungere in quella che sembra essere una sorta di villaggio ma decisamente somigliante ad un accampamento.
Il Notte e il Crepuscolo si recano da un ufficiale della Gilda per ottenere qualche informazione mentre Luk si reca dall’ufficiale dell’autorità portuale anch’esso in cerca di nuove informazioni sul carico e gli esploratori.
Snake e Strange si danno appuntamento per ora di pranzo con l’ufficiale della Gilda alla locanda per rifocillarsi e parlare ancora per ottenere più informazioni sul carico disperso, nel frattempo girano sul villaggio cercando informazioni dai mutati del Wyld e qui stringono amicizia con un mutato dalle cui orecchie spuntano delle foglie.
Nel frattempo Luk insieme all’altro Alba, dopo aver ottenuto le risposte che desiderava si dirige alla locanda ad aspettare il Crepuscolo e il Notte.
Ivi i PG si reincontrano si rifocillano e offrono il pranzo all’ufficiale della Gilda poi si recano al porto affittano una barca e un ottimo navigatore e partono assieme al mutato con le foglie di nome Leaf.
Giunti a destinazione il mutato a seguito dei PG si inoltrano nella giungla mentre il capitano della nave li attenderà per qualche giorno; Inoltrati nella giungla dopo molto cammino giungono ad un luogo in cui scoprono i cadaveri degli esploratori di Magnifica Opera di Lustro e Bellezza e seguono le tracce che circondano i corpi degli uomini senza vita.
Queste conducono i 4 Solari ad un accampamento coi vessilli della Gilda Luk che ha viaggiato con Dark Schneider sulle spalle (è ancora in coma a seguito della pesca) si riposa assieme a Strange mentre Snake si inoltra nell’accampamento dove incontra quello che sembra essere un ufficiale in comando, il quale non è nuovo alla richiesta dei Colibrì, e così decide di perquisirlo derubarlo e spedirlo fuori.
Il Notte decide di divincolarsi dalle guardie scappare e riprendere i suoi effetti personali ma la quantità di uomini è esagerata viene scoperto e inseguito, quindi si arrampica su uno Yeddim sul cui dorso trova dei barili di materiale infiammabili ai quali dà fuoco poi si getta sul carro alle spalle dell’animale anche questo pieno di materiali infiammabili e sopratutto di zucchero e dà fuoco anche a questo e si allontana.
Il carro esplode grazie allo zucchero creando un enorme trambusto e mettendo in subbuglio l’accampamento, è l’occasione giusta per scappare e il Notte ne approfitta, in questo stesso momento arrivano anche i compagni Luk e Strange quindi Snake corre a recuperare i suoi averi e nel tentativo di fuga i 3 Solari rinvengono la voliera contenente i Colibrì di cristallo, la rubano e corrono in fuga…

View
Guai a Grandiramazione

Dopo aver rubato in giro per la città, Snake ritorna al porto (luogo di ritrovo coi suoi compagni) inseguito da alcune guardie.
Inizia così una serie di sfortunati eventi che portano i PG a uccidere e tramortire alcune guardie e a farsi notare da numerosissimi marinai durante l’atto.
Al sopraggiungere di altre guardie e ormai circondati dai marinai delle navi attraccate al pontile su cui si è svolto lo scontro, i PG si danno alla fuga, dividendosi.
Tutti cercano un posto dove dormire e far calmare le acque, tranne Strange che si reca al bordello di Magnifica Opera di Lustro e Bellezza per ritrovare Zafira e chiederle aiuto.
Lì giunto, dopo aver atteso alcune ore, il Crepuscolo riesce finalmente a farsi ricevere e conoscere “la Regina”, proprietaria della casa di piacere, e a chiedere il suo aiuto per risolvere la situazione creatasi al porto.
Così, appena prima dell’alba, tutti i 4 Solari si recano da lei, e tra un ammiccamento e una nuotata in piscina ottengono l’aiuto della donna, ma in cambio loro dovranno recuperare un importante carico di colibrì di cristallo proveniente dal Profondo Est.
Senza ulteriori indugi partono con una nave che risale il fiume, fino a raggiungere l’approdo ad alcuni giorni di distanza…

View
Sulle tracce di Larissa...

I PG lasciano le terre di Kurtulmàk, percorrendo le acque del fiume per alcuni giorni su una zattera che si sono costruiti. Arrivano al principale affluente dello Yanaze, dove scorgono in lontananza un approdo.
Mentre si avvicinano, il Crepuscolo si accorge che il fuoco fatuo che gli indicava la via si fa via via più debole e traslucido.
I Solari decidono di intervenire con delle preghiere a Kyashak della Lama Ardente, per cercare di ridonare forza al fuoco fatuo, ma senza successo. Nel tentativo di recuperare un degno sacrificio per propiziare la preghiera, Snake si tuffa in acqua a caccia di pesci ma viene assalito da un drago di fiume, poi scacciato dai suoi compagni che lo attaccano dalla riva con frecce e un sapiente uso della Tecnica del Rapace di Ferro di Dark Schneider.

La preghiera non dà i risultati sperati e il fuoco fatuo continua a indebolirsi, fino poi a scomparire.
Comunque i Solari raggiungono l’approdo e iniziano a esplorare. Dopo una giornata di furti e domande, la sera si intrufolano nell’ufficio della capitaneria di porto. Qui il Notte e il Crepuscolo cercano di corrompere i due ufficiali al fine di esaminare i registri, ma la storia raccontata dai due eccelsi ha qualche evidente falla concettuale e così i due funzionari malcapitati finiscono per essere storditi, imbavagliati e legati sotto il bancone della capitaneria.
Dai registri i PG apprendono che la Felce di Mare, la nave che molto probabilmente trasportava Larissa, si è diretta a Grandiramazione/Nexus, così il mattino successivo si comprano un passaggio su una delle navi dirette a Nexus. Tuttavia i PG desiderano fare scalo a Grandiramazione ma la nave fa rotta diretta a Nexus: così decidono di tuffarsi nel fiume una volta in vista della loro meta e raggiungerla via scialuppa.

Una volta arrivati a Grandiramazione, i PG si dividono subito.
Snake passa la giornata a rubare per arricchirsi; Luk recupera informazioni sulla Felce di Mare e Senza nome fa conoscenza con una Fatata che lavora per Magnifica Opera di Lustro e Bellezza, personaggio molto noto in città in quanto dirige la più famosa casa di piacere di Grandiramazione, conosciuta da tutti perché in grado di soddisfare tutti i palati, anche quelli dai gusti più terribili, esotici o sofisticati.

View
Il primo scontro

Luk provoca il capo dei barbari mutanti, sfidandolo a singolar tenzone. All’inizio il barbaro esita, ma quando il Solare lo provoca chiamandolo codardo, lo scontro ha inizio.
I primi colpi provocano qualche ferita ma subito dopo il barbaro fa uso dell’essenza e si rivela per quello che è in realtà: un eccelso lunare.
Mentre lo scontro continua, Snake aggira il resto della truppa di mutanti del Wyld, cercando di arrivare alle loro spalle per compiere un attacco furtivo.
Luk inizia a vedersela brutta, in quanto l’armatura che protegge il lunare è molto efficace e riduce gli assalti del solare, che nel frattempo consuma quasi tutta la sua essenza.
Snake, giunto alle spalle dei nemici, viene colpito da un colpo di sfortuna e mette il piede in fallo, facendosi scoprire clamorosamente.
Snake si dirige di corsa verso il Lunare, inseguito dai mutanti. Anche Dark Schneider gli si avvicina dopo aver eliminato uno dei tenenti. Nel frattempo Luk, pesantemente ferito, viene sollevato e scagliato dentro la fossa che doveva essere la trappola per la bestia. L’armatura di oricalco lo protegge dagli spuntoni ma il tronco che gli cade sopra subito dopo gli blocca i movimenti.
Interviene quindi il Crepuscolo per aiutarlo a uscire dalla fossa, mentre il Notte e l’altro Alba vengono sopraffatti dalla forza terribile dei colpi del Lunare. Snake finisce privo di sensi ma Dark Schneider – nonostante sia stato gravemente ferito – riesce a uccidere il Lunare vibrandogli un ultimo potente colpo, caricato di tutta l’essenza di cui dispone.
Il resto dei mutati fugge alla vista della disfatta del capo e i Solari ne approfittano per farsi curare dal compagno Crepuscolo.
Dopo aver decapitato e seppellito il cadavere e l’ascia del Lunare, i Solari tornano dal dio Kurtulmàk a riportare la notizia e la testa del capo barbaro.
Il dio della cascata è sorpreso e interdetto ma comunque soddisfatto dell’inaspettato esito dello scontro.
Come segno di benevolenza, permette agli eccelsi di costruire una zattera usando il legno della su foresta e consiglia loro di tenersi sul lato destro del fiume.

Ora i Solari devono decidere quale sia la prossima mossa…

View
Si comincia!

Dopo aver raccolto dai boscaioli tutte le informazioni possibili sull’attacco al villaggio da parte dell’Impero circa 6 mesi prima, i Solari chiedono al concilio degli anziani che vengano loro affidati 4 navigatori esperti, al fine di viaggiare lungo il fiume via zattera fino a raggiungere le cascate.
Durante il viaggio esaminano la mappa che gli è stata fornita e identificano la direzione da seguire. Dopo circa 3 giorni di viaggio, raggiungono le cascate e lì abbandonano le loro guide per proseguire a piedi. Mentre cercano un percorso per discendere la cascata, Luk si libera dal fardello di armi e armatura e si tuffa nel lago che si trova alla base della cascata, nonostante abbia visto che sulla riva del lago è riunito un gruppo di persone.
Gli altri solari lo imitano e si tuffano tutti.
Quando risalgono dalle acque del lago, le persone che erano lì riunite (indigeni selvaggi con cui è difficile comunicare) li spingono a scusarsi con il dio del lago per l’offesa che gli è stata recata: le acque infatti sono sotto il patrocinio del dio Kurtulmàk.
Senza capire bene cosa stia accadendo ma intuendo di aver in qualche modo contaminato le acque del lago, i Solari si riuniscono. Il Crepuscolo si inginocchia sulla riva del lago.
Luk esita qualche secondo, mentre Dark Schneider fa brillare il suo simbolo di casta. Accorgendosi della cosa, Luk gli dà uno spintone che lo fa finire nel lago a gambe all’aria…
A quel punto compare il dio Kurtulmàk, che fluttua sulle acque del lago.
L’aspetto è quello di un umanoide ricoperto di verdi scaglie da rettile, con zampe e piedi palmati, lunghe orecchie appuntite, sopracciglia di corteccia e una folta capigliatura frondosa. Nella mano destra stringe un grosso tronco lungo 2 metri.
Dopo una serie di brevi convenevoli e accennate spiegazioni, il dio si dimostra effettivamente offeso e contrariato ed in cambio del suo perdono chiede ai Solari di sfamare il suo popolo e di uccidere la bestia che attacca i suoi fedeli.
La bestia – un grosso felino simile a una tigre, spiega il dio Kurtulmàk – aggredisce i suoi proseliti nel folto della foresta ma raramente si avvicina al lago più di qualche centinaio di metri.
Se i Solari eseguiranno le richieste del dio, si vedranno sollevati dalla maledizione che ora grava su di loro e che gli impedisce di muoversi agevolmente sul territorio circostante.

I solari partono, rimuginando su quanti intoppi già si siano presentati sul loro cammino, e raggiungono una zona di foresta molto densa cosparsa di segni di marcatura del territorio da parte di larghe artigliate. <senza> prepara quindi una trappola con buca, spuntoni e tronco a pendolo, mentre Luk si occupa di macchiare col proprio sangue gli alberi circostanti.
All’imbrunire finalmente si sente qualcosa avvicinarsi: ai margini della radura sbucano ai margini della radura numerose bestie, perlopiù tigri e lupi, seguite dopo pochi secondi da un nutrito gruppo di mutanti del wyld, ognuno con qualche tratto bestiale più o meno marcato riconducibile al tema tigre/lupo: alcuni hanno pelle striata, altri muso animale, qualcuno ha artigli o zampe animali, oppure pelliccia o coda.
Ed infine emerge dalla folta vegetazione quello che inequivocabilmente è il capo, alto oltre 2 metri, possente e nerboruto, con peluria striata su avambracci e petto che risale fino agli zigomi, quarti posteriori da tigre, una folta coda lupina, zanne sporgenti e un’ascia argentata stretta in pugno.

View

I'm sorry, but we no longer support this web browser. Please upgrade your browser or install Chrome or Firefox to enjoy the full functionality of this site.